Certificazione Unica dipendenti: a cosa serve?

Certificazione Unica dipendenti: a cosa serve?

Scritto da Guendalina Grossi il 20 febbraio 2018

Certificazione Unica dipendenti: ecco una guida pratica per capire a cosa serve e quando è prevista la scadenza.

In questo articolo cercheremo di capire a cosa serve la Certificazione Unica (ex modello Cud) dipendenti e quando è prevista la scadenza per la trasmissione dei dati.

La Certificazione Unica è il documento fiscale che i sostituti d’imposta devono produrre per certificare i redditi di lavoro dipendente e assimilati, i redditi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi.

Tale certificazione deve essere rilasciata al lavoratore dipendente, utilizzando il modello sintetico entro la scadenza del 31 marzo di ogni anno e trasmessa all’Agenzia delle Entrate, utilizzando il modello ordinario entro il 7 marzo, in via telematica.

Quest’anno la data di scadenza per la presentazione delle Certificazione Uniche, da parte del datore di lavoro, è slittata al 3 aprile 2018, poiché il 31 marzo cade di sabato e il successivo lunedì 2 aprile 2018 è il giorno di Pasquetta.

Certificazione Unica dipendenti: a cosa serve?

La Certificazione Unica (ex Cud) deve essere emessa e inviata dal soggetto che ha effettuato il pagamento.

Nel caso dei lavoratori dipendenti sarà dunque il datore di lavoro a doverla trasmettere.

Per i lavoratori dipendenti la Certificazione Unica (ex Cud) è fondamentale poiché assicura il regolare versamento delle ritenute fiscali e previdenziali da parte del datore di lavoro.La Certificazione Unica, inoltre, assume particolare importanza perché i relativi dati sono fondamentali per la compilazione del modello 730 ordinario o precompilato.

In pratica, con la Certificazione Unica l’Agenzia delle Entrate può disporre di tutti i dati relativi ai redditi da lavoro dipendente che verranno inseriti nel modello 730 precompilato del lavoratore.

Certificazione Unica dipendenti: qual è il termine ultimo per la presentazione dei dati?

La Certificazione Unica 2018 dipendenti deve essere presentata entro il 7 marzo 2018. Tale termine è da considerarsi perentorio.

Questo perché i dati contenuti nella Certificazione Unica 2018 devono confluire nel modello 730 precompilato entro i termini previsti dalla normativa fiscale.

Per le Certificazioni Uniche 2018 autonomi, invece, il termine per l’invio telematico del 7 marzo 2018 non deve considerarsi perentorio, a meno che tali certificazione non debbano confluire nel modello 730/2018 precompilato.

Quindi i lavoratori autonomi potranno presentare le proprie certificazioni, senza l’aggravio di sanzioni, entro la data di scadenza prevista per il modello 770/2018 ovvero il 31 ottobre.