Scadenza Intrastat 25 febbraio: termine ultimo per operatori mensili

Scadenza Intrastat 25 febbraio: termine ultimo per operatori mensili

Scritto da Elena Greco il 25 febbraio 2019

Scadenza Intrastat 25 febbraio: termine ultimo per operatori mensili. A cosa serve il modello Intrastat e come si trasmette utilizzando il sistema Electronic Data Interchange.

Scadenza Intrastat 25 febbraio: scade il termine per l’invio dei dati a cui devono attenersi gli operatori intracomunitari con obbligo mensile. A cosa serve il modello Intrastat e come si presenta.

Si tratta di un obbligo introdotto dal Decreto Legge numero 331 del 1993. Periodicamente gli operatori intracomunitari devono comunicare all’Agenzia delle Dogane o all’Agenzia delle Entrate i dati relativi a cessioni di beni e prestazioni di servizi rese nel mese precedente, se hanno un obbligo mensile, o nei tre mesi precedenti, se hanno un obbligo trimestrale.

Scadenza Intrastat 25 febbraio: termine ultimo per operatori mensili

Tra le diverse date segnate in rosso sul calendario di febbraio, lunedì 25 febbraio 2019 segna la scadenza per l’invio del modello Intrastat. Non tutti gli operatori devono inviarlo, ma solo quelli che hanno l’obbligo mensile di trasmissione dei dati.

Il modello Intrastat è stato introdotto dall’art.50 del Decreto Legge 331 del 1993. Si tratta di un modulo che i soggetti passivi Iva, in riferimento alle operazioni intracomunitarie, sono tenuti a presentare, e serve a comunicare i seguenti dati:

  • l’elenco riepilogativo di alcune operazioni effettuate nei confronti di soggetti passivi stabiliti in un altro Stato membro della Comunità europea, ovvero:
    • cessioni intracomunitarie di beni comunitari;
    • prestazioni di servizi diverse da quelle oggetto di specifiche deroghe in tema di territorialità;
  • l’elenco riepilogativo di alcune categorie di operazioni acquisite presso soggetti passivi stabiliti in un altro Stato membro della Comunità europea:
    • acquisti intracomunitari di beni comunitari;
    • prestazioni di servizi.

Scadenza Intrastat 25 febbraio: come trasmettere il modello tramite il sistema Electronic Data Interchange

Gli elenchi possono essere inviati solo in via telematica all’Agenzia delle Dogane utilizzando il Servizio Telematico Doganale, Electronic Data Interchange, oppure all’Agenzia delle Entrate.

Come si legge sul portale, lo scambio elettronico dei dati tra l’Agenzia delle Dogane e gli operatori economici avviene mediante il collegamento dei sistemi informatici di questi ultimi ad un sistema di interfaccia dell’Agenzia, denominato Sistema di Accesso doganale (SdA).

La procedura da utilizzare per l’interscambio dei dati relativi agli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari prevede la codifica del documento che contiene uno o più elenchi intra secondo gli standard previsti dal portale e indicati nel manuale dedicato.

In una seconda fase, poi, è necessario predisporre il file da trasmettere e firmarlo con l’apposita funzione.

Una volta preparati i documenti, è possibile trasmetterli al Sistema di Accesso doganale SdA.

Un messaggio conferma il ricevimento del documento, in base all’esito dei controlli formali e comunica l’accettazione o il rifiuto dello stesso da parte di SdA.

Tutte le istruzioni per la trasmissione dei modelli Intrastat sono disponibili nel manuale del Servizio Telematico Doganale, Electronic Data Interchange.

Argomenti correlati:

Agenzia delle Entrate