Bonus nido, scadenza presentazione documenti: si ha tempo fino al 28 febbraio 2019

Bonus nido, scadenza presentazione documenti: si ha tempo fino al 28 febbraio 2019

Scritto da Guendalina Grossi il 28 febbraio 2019

Entro il 28 febbraio 2019 coloro che beneficiano del bonus asilo nido dovranno inviare i documenti che attestano il pagamento delle rette mensili per ricevere l’assegno dall’INPS.

Bonus nido, scadenza presentazione documenti: entro il 28 febbraio 2019 i genitori che beneficiano del sostegno erogato dall’INPS dovranno presentare la documentazione che attesta il pagamento della retta mensile per ricevere l’assegno.

Il bonus asilo nido può essere richiesto per l’iscrizione a strutture pubbliche e private ed anche per l’assistenza domiciliare di bambini affetti da gravi patologie.

A partire dal 1° gennaio 2019 l’importo del bonus asilo nido sale da 1.000 a 1.500 euro, ma per far sì che l’assegno venga erogato dall’Istituto previdenziale è necessario inviare allo stesso i documenti che attestano il sostenimento della spesa.

Vediamo insieme come presentare la documentazione all’INPS e chi può beneficiare del bonus asilo nido.

Bonus nido, scadenza presentazione documenti: termine fissato al 28 febbraio 2019

Entro il 28 febbraio 2019, coloro che hanno presentato domanda per il bonus asilo nido dovranno inviare all’INPS i documenti che attestano il pagamento della retta mensile al fine di ricevere l’assegno.

La prova dell’avvenuto pagamento dovrà avvenire tramite:

  • ricevuta o quietanza di pagamento, fattura quietanzata, bollettino bancario o postale, e per i nidi aziendali tramite attestazione del datore di lavoro o dell’asilo nido dell’avvenuto pagamento della retta o trattenuta in busta paga.

Nei documenti che devono essere inviati all’INPS dovranno essere specificate le seguenti informazioni:

  • la denominazione e la Partita Iva dell’asilo nido;
  • il Codice Fiscale del minore;
  • il mese di riferimento,
  • gli estremi del pagamento o quietanza di pagamento;
  • il nominativo del genitore che sostiene l’onere della retta.

Per inviare i documenti sarà possibile utilizzare l’App INPS mobile che è possibile scaricare sugli store ufficiali Android e Apple. La suddetta App è stata integrata con una nuova funzionalità, denominata “Bonus nido”, che consente di procedere a tale adempimento.

Una volta effettuato l’accesso nella App utilizzando il PIN dispositivo INPS o le credenziali SPID, basterà allegare i dati che attestano l’effettivo pagamento della retta mensile rilasciati dall’asilo nido tramite una fotografia.

Bonus asilo nido 2019: chi può beneficiarne?

Possono beneficiare del bonus asilo nido 2019 tutti quei genitori italiani, comunitari e stranieri con permesso di soggiorno, che hanno un figlio con un età compresa tra gli 0 e 3 anni.

Il bonus asilo nido può essere richiesto per il pagamento delle rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati o per forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con meno di tre anni affetti da gravi patologie croniche.

Nel caso in cui il suddetto bonus sia richiesto per l’assistenza presso il proprio domicilio è necessario presentare il certificato medico del pediatra che attesti la grave patologia del bambino.

Si ricorda che nel caso in cui il bonus asilo nido venga richiesto per pagare le rette delle strutture pubbliche o private, dovrà essere il genitore che effettua la spesa ad effettuare la domanda, mentre se la suddetta misura viene richiesta per il contributo all’assistenza domiciliare dovrà essere il genitore che dimora con il figlio e che risiede nello stesso Comune a presentare domanda.

Argomenti correlati:

Inps