Consultazione fatture elettroniche, scadenza con proroga al 29 febbraio 2020

Scritto da Tommaso Gavi il 18 dicembre 2019

Scadenza adesione consultazione fatture elettroniche, dopo la proroga del termine del 31 ottobre scorso, dall’Agenzia delle Entrate ne arriva un’altra che sposta il termine dal 20 dicembre 2019 al 29 febbraio 2020. I contribuenti possono consultare e archiviare tutte le fatture emesse o ricevute a partire dal primo gennaio scorso.

Consultazione fatture elettroniche, scadenza con proroga al 29 febbraio 2020

Scadenza adesione consultazione fatture elettroniche, c’è tempo fino al 29 febbraio 2020 per aderire al servizio dell’Agenzia delle Entrate.

Dopo la proroga che spostava il termine dal 31 ottobre al 20 dicembre, una nuova proroga.

Lo ha reso noto il comunicato dell’Agenzia delle Entrate pubblicato il 17 dicembre 2019: ci saranno ancora più di due mesi di tempo.

Lo strumento è utile per diverse categorie di contribuenti e cittadini: dai titolari di partita IVA ai consumatori finali.

I contribuenti che aderiscono possono scaricare in qualsiasi momento dalla propria area riservata del sito le fatture emesse.

Possono essere consultate e archiviate anche quelle operate nei propri confronti.

I vantaggi del servizio e i passaggi da seguire.

Scadenza adesione consultazione fatture elettroniche: la proroga dal 20 dicembre 2019 al 29 febbraio 2020

Il termine di adesione al servizio di consultazione delle fatture elettroniche, in scadenza il 20 dicembre 2019, è stato spostato al 29 febbraio 2020 con il provvedimento numero 1427541 del 2019.

La notizia è stata diffusa attraverso un comunicato stampa dell’Agenzia delle Entrate del 17 dicembre 2019.

Agenzia delle Entrate - Comunicato stampa del 17 dicembre 2019
E-fatture, c’è ancora tempo per aderire al servizio di consultazione. La scelta è possibile fino al 29 febbraio 2020.

Dopo la proroga del termine precedente, previsto per lo scorso 31 ottobre, ci sarà quindi tempo fino al 29 febbraio 2020.

Le motivazioni dello spostamento della data sono sintetizzate nello stesso comunicato:

“Per completare gli interventi tecnici necessari al recepimento delle modifiche introdotte dal collegato fiscale alla Legge di bilancio 2020 (Dl n. 124/2019) e per consentire inoltre ai contribuenti di avere più tempo per aderire al servizio il provvedimento di oggi porta al 29 febbraio 2020 il termine ultimo per effettuare la scelta.”

Lo strumento messo a disposizione dall’Agenzia delle Entrate ha lo scopo di favorire la consultazione e facilitare l’archiviazione delle fatture emesse dal soggetto o nei propri confronti.

Grazie al servizio i documenti si possono scaricare in qualsiasi momento. La conservazione digitale, in genere più agevole, rende di fatto meno stringente quella delle fatture cartacee.

Implicito nell’adesione è, ovviamente, il consenso all’Agenzia dell’Entrate a conservare la documentazione, la cui consultazione è possibile grazie a tale procedura.

Scadenza consultazione fatture elettroniche, 29 febbraio 2020: come aderire al servizio dell’Agenzia delle Entrate

Il servizio di consultazione delle fatture elettroniche è disponibile sia per partite IVA sia per consumatori finali.

Per aderire entro la scadenza del 29 febbraio 2020 è necessario seguire la spiegazione video dell’Agenzia delle Entrate.

I consumatori finali devono seguire i passaggi riportati di seguito:

Grazie al servizio potranno essere consultate ed archiviate tutte le fatture emesse e ricevute a partire dal primo gennaio scorso.

La precedente scadenza, che si inseriva nel fitto calendario del mese di dicembre, è stata dunque spostata e ci sarà più tempo per i cittadini interessati.

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione anche ulteriori servizi per supportare gli adempimenti di fatturazione elettronica.

Nello specifico sono tre gli strumenti utilizzabili dal contribuente:

  • una procedura web, che oltre a predisporre consente anche di trasmettere le fatture elettroniche;
  • un software per PC fisso, con la sua guida, che consente solo di predisporre e salvare i file delle fatture elettroniche;
  • un’App denominata “Fatturae” disponibile negli store IOS o Android, che permette anche di trasmettere le fatture elettroniche.

Argomenti correlati:

Agenzia delle Entrate - Fattura